Prestiti veloci e immediati senza garanzie: la guida per ottenerli

prestiti veloci

Come è già facilmente intuibile dal nome, i prestiti veloci sono una forma di finanziamento personale immediata, utile per chi ha bisogno di ottenere una somma di denaro in tempi brevi, e di un ammontare non troppo elevato.

La particolarità sta proprio nella rapidità di erogazione del capitale, che comporta l’assenza di lenti e noiosi passaggi burocratici: l’accredito viene eseguito entro un massimo di 48 ore dal momento in cui la domanda di finanziamento viene accettata

Come ottenere un prestito veloce senza garanzie

Nell’articolo prestiti per disoccupati: come ottenerli senza difficoltà abbiamo già affrontato il tema delle garanzie alternative, come strumento per ottenere dei finanziamenti anche senza una busta paga.

Ma se quello che state cercando è un prestito veloce, senza la necessità di dover ricorrere ad alcun tipo di garanzia, allora la situazione potrebbe complicarsi, ma non essere ancora del tutto impossibile.

Innanzitutto, cerchiamo di capire cosa state effettivamente cercando. Gli argomenti che affronteremo sono:

Per ogni categoria vedremo quali sono le aziende migliori a cui potersi rivolgere per poi analizzare insieme i pro e i contro di ogni scelta.

Microprestiti online 2021

microprestiti, da non confondersi con i piccoli prestiti, sono una forma di finanziamento semplice, che può essere richiesta da tutte quelle persone che non hanno i requisiti per ottenere un prestito in banca.

Vengono solitamente richiesti online, tramite i siti delle finanziarie e le somme concesse sono vanno da un minimo di €500 a un massimo di € 1500

Esistono anche società e istituti di credito che erogano micro prestiti per somme più elevate, con un massimale di € 25.000 per le piccole imprese e un massimale di € 10.000 per i privati restituibili in un periodo massimo di 60 mesi.

Quali società offrono microprestiti online?

I microprestiti possono essere richiesti anche da giovani, e da disoccupati che intendono avviare un lavoro in proprio, grazie soprattutto alla presenza di fondi stanziati dall’Unione europea. Per richiedere un microprestito è sufficiente compilare la domanda di finanziamento online sul relativo sito.

Credito Revolving

Le carte di credito revolving rientrano nei prestiti senza garanzie o redditi dimostrabili da presentare e sono pensati per studenti, casalinghe e disoccupati.

La modalità di funzionamento di una carta di credito revolving è simile a quello di una semplice carta di credito. Con l’emissione di una carta di credito revolving viene concesso un fido iniziale che il titolare utilizza per acquistare o prelevare con l’impegno di un rimborso minimo mensile periodico.

Gli importi ottenuti con le carte revolving oscillano tra 1500/ 2000 euro ai 5000 euro che saranno poi restituiti in rate mensili attraverso bollettini o direttamente dal conto corrente.

Le rate sono maggiorate di altri oneri come tasso di interesse, spese di istruttoria e spese di bollo. Quindi prima di chiedere una carta revolving bisogna valutare bene il costo finale del prestito perché questo può comunque essere elevato.

Per richiedere la carta è necessario essere maggiorenni e avere la residenza in Italia, e in alcuni casi, avere già un conto corrente aperto (a volte basta una carta dotata di IBAN)

Prestiti per studenti

I prestiti per studenti sono particolari linee di credito pensate per i giovani e che tengono in considerazione il fatto che la restituzione deve essere sostenibile per dei ragazzi che comunque non lavorano. Le rate devono essere basse così come i tassi d’interesse.

Sono tra i più semplici da ottenere soprattutto da un punto di vista burocratico. Possono accedervi sia studenti che genitori, entrambi anche se in condizione di disoccupazione.

In questo modo le banche fanno esse stesse una sorta d’investimento nel futuro dei giovani, chiedendo come unica garanzia la media degli esami universitari.

Per ottenere un prestito in quanto minorenne, è invece essenziale che tu abbia un buon pagellino scolastico ed una carta revolving. Quest’ultima nella maggior parte dei casi, non richiede la firma di una persona maggiorenne.

Dal momento in cui la legge prevede che il finanziamento possa essere erogato a chi abbia almeno diciott’anni, la banca o la società finanziaria a cui ti stai rivolgendo potrebbe chiedere la figura di un genitore o di un garante.

Quali banche offrono prestiti veloci per studenti?

  • BNL BNP Paribas con importo massimo fino a 70.000 euro, durata fino a 120 mesi.
  • Banca Sella con importo massimo di 30.000 euro, rimborsabile al termine degli studi con rate fino a 84 mesi.
  • Ubi banca con importo massimo di 25.000 euro, la garanzia è coperta fino al 70% dal Fondo per il credito ai giovani.
  • Intesa Sanpaolo la durata della linea di credito è di 5 anni, rinnovabile, il piano di rimborso può durare fino a 30 anni e concede fino a 50.000 euro.
  • Unicredit con un importo massimo pari a 27.700€ per un periodo variabile a seconda del corso di studi.
  • Agos con importi fino a 30.000 euro da rimborsare in rate mensili. I prestiti possono essere richiesti direttamente online decidendo l’importo e la durata del finanziamento in base alle necessità. 

I pro e i contro dei prestiti veloci

L’importo massimo erogabile e le garanzie utili per ottenere prestiti veloci dipendono dalle banche che concedono tali finanziamenti e dalle relative regole dell’istituto di credito. In generale l’importo massimo gira attorno ai 30.000 euro.

Non sono prestiti finalizzati: ciò vuol dire che il denaro ottenuto può essere speso in qualsiasi modo. Non sono necessari giustificativi o preventivi di spesa. Situazione diversa è quella dei prestiti per studenti che sono invece finalizzati.

Ma è possibile ottenere un prestito veloce senza garanzie e senza il ricorso al garante?

Le possibilità di ottenere il via libera in questo caso si riducono, tuttavia se gli importi richiesti sono bassi è possibile che la finanziaria accetti la domanda, magari con la sottoscrizione di un’assicurazione obbligatoria a tutela del credito.

Alcuni istituti di credito hanno addirittura creato soluzioni di prestiti veloci anche per i cattivi pagatori. Ciò in considerazione del fatto che, specialmente a causa della pandemia, molti debitori sono stati inseriti nel CRIF non per negligenza ma a causa della chiusura di molte attività non essenziali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *