Le migliori 3 carte di credito a zero spese

carta di credito

Ti piacerebbe sapere se esistono e quali sono le migliori carte di credito a zero spese? Sei nel posto giusto. In questo articolo andremo a vedere quali carte di credito gratis sono presenti sul mercato, approfondendo caratteristiche e vantaggi di ognuna.

Cos’è una carta di credito a zero spese?

Una carta di credito a zero spese non comporta per il cliente il pagamento di un canone mensile. A questo punto potresti chiederti perché una banca dovrebbe erogare carte di credito gratis? La realtà è che questo tipo di offerta rientra, spesso, in una vera e propria strategia di marketing volta ad attirare nuovi potenziali clienti, soprattutto i più giovani.

In verità, il fatto che il canone mensile sia gratuito non vuol dire che non possano esservi delle spese. Ad esempio, potresti ritrovarti a pagare costi di bollo oppure costi per l’ottenimento di un estratto conto. Chiaramente, è importante dare un’occhiata a tutte le condizioni proposte dall’istituto di credito prima di scegliere la propria carta.

Sta di fatto che questi strumenti oggi sono molto diffusi, anche tra i più giovani. In particolare, il mercato negli ultimi anni si sta sempre di più orientando verso offerte flessibili, a costi molto contenuti ma con il vantaggio di gestire tutte le operazioni online, senza dunque un riferimento fisico sul territorio.

Del resto, in assenza dei costi di gestione di una filiale, è molto più semplice per gli istituti abbassare i costi e attirare nuovi clienti. Non è un caso che i player che offrono carte a zero spese sono proprio quelli che hanno scelto di digitalizzare completamente il proprio business.

Leggi anche: cos’è una carta revolving.

Widiba

Banca Widiba è uno di quegli istituti di credito che permette di ottenere una carta di credito con un canone annuo pari a zero euro. Widiba offre la possibilità di prelevare dal conto fino a € 1.550. Bisogna, però, fare attenzione alle condizioni che riguardano il prelievo di contante.

Infatti, se il tuo prelievo è inferiore o uguale a 100 euro, con Widiba questa operazione ti costerà 1 euro. Per tutti i prelievi superiori a 100 euro, invece, tale operazione sarà del tutto gratuita. Non ci sono limiti all’utilizzo online della carta Widiba.

Widiba è una banca che opera online e che, dunque, non dispone di sedi fisiche. Questo vuol dire che qualunque operazione può essere svolta comodamente tramite App o sito web, a partire proprio dall’apertura del conto.

Sì, perché per ottenere la carta Widiba a canone zero è necessario aprire un conto. Per farlo ti basterà avere a portata di mano la tua carta d’identità, il tuo codice fiscale e il numero di cellulare. Successivamente, dovrai compilare un form in cui andrai ad inserire le informazioni relative al soggetto che sarà l’intestatario del conto Widiba.

Sul sito di Widiba potrai effettuare sia l’apertura di un conto corrente ex novo, sia il trasferimento del tuo vecchio conto. Inizialmente, anche l’apertura del conto corrente è gratuita. Dopo 12 mesi, è possibile sfruttare varie opzioni per ridurre il costo mensile del canone.

Ad esempio, c’è un risparmio di 3 euro se hai meno di 30 anni. Inoltre, puoi risparmiare altre piccole somme se ti fai accreditare lo stipendio sul conto corrente o se hai un patrimonio complessivo di almeno € 25.000.

In sintesi, se vuoi ottenere la carta Widiba devi prima aprire un nuovo conto. Fatto questo, potrai richiedere la tua carta di credito ed utilizzarla per i tuoi pagamenti sia online che presso esercenti fisici.

N26

Tra le migliori carte di credito a zero spese figura anche N26. Questo istituto di credito di origine tedesca è nato nel 2015 e, ad oggi, opera in 25 mercati, anche in Italia. Si tratta di una banca 100% digitale. Dunque, sappi sin da subito che se vuoi ottenere una carta di credito N26 non dovrai preoccuparti di fissare un appuntamento e recarti di persona presso una filiale fisica.

Così come per Widiba, anche con N26 l’erogazione della carta di credito è vincolata all’apertura di un nuovo conto corrente. N26 dispone di diverse offerte ma il piano Standard è quello al quale dovrai aderire se vuoi una carta di credito a zero spese.

Per aprire un conto N26 standard dovrai essere maggiorenne, possedere un valido documento d’identità ed uno smartphone compatibile con l’App N26. Inoltre, non devi essere titolare di un ulteriore conto N26. Non ci sono spese per l’apertura del conto e ogni operazione può essere comodamente gestita online, direttamente dallo smartphone.

Al conto N26 Standard è associata una carta virtuale Mastercard. Questa carta è compatibile con i pagamenti online ma non solo. Basterà semplicemente avere a portata di mano il tuo smartphone per pagare sia online che nei negozi.

Inoltre, sia in Italia che nella zona euro potrai usufruire di tre prelievi gratuiti al mese. A partire dal quarto prelievo, ogni operazione ti costerà 2 euro. Potrai svolgere questa operazione presso gli sportelli che prevedono prelievi senza carta o presso i supermercati in possesso di una convenzione con N26.

N26 ricorda che si applica una commissione soltanto se sul tuo conto è presente un saldo superiore a € 50.000,00.

Come avrai avuto modo di comprendere, la carta che ti offre N26 è virtuale. Se, però, questa soluzione non ti convince al 100%, N26 ti offre la possibilità di richiedere una carta di debito Mastercard fisica, al costo una tantum di € 10,00.

Hype

Chiudiamo con Hype, altro interessante player che si è affacciato sul mercato del digital banking già da qualche anno. Hype è un conto gestito da Banca Sella, istituto di credito che si è fatto apprezzare per qualità e costante innovazione dei servizi offerti.

Con Hype puoi aprire un conto e ricevere una carta prepagata con IBAN. È possibile effettuare ricariche e prelievi da qualsiasi ATM nel mondo. Potrai fare la registrazione comodamente online in pochi minuti e ricevere direttamente a casa la tua carta Hype.

Se vuoi una carta Hype gratis, devi scegliere il pacchetto Start. Il canone annuo è, infatti, pari a zero euro così come l’invio dei bonifici in area SEPA o i pagamenti sia in negozio che online tramite Google Pay o Apple Pay.

Non ci sono costi di commissione di prelievo, sia in Italia che all’estero. Puoi inviare gratuitamente denaro ad un’altra persona in possesso di un conto Hype. Stesso discorso vale se ricevi denaro da un altro hyper.

Puoi ricaricare gratuitamente il tuo conto tramite IBAN oppure con PagoBancomat su ATM QuiMultiBanca. Il costo per una ricarica in contanti presso un punto vendita abilitato è, invece, pari a € 2,50. Se, invece, vuoi ricaricare il tuo conto direttamente dall’app Hype ma tramite un’altra carta di pagamento, l’operazione ti costerà € 0,90.

Questi, dunque, in sintesi sono i costi Hype previsti dal piano Start. In pratica, con una gestione attenta e sfruttando a pieno le funzionalità dell’App potresti anche riuscire a gestire la tua carta Hype a costo zero.

Migliori carte di credito a zero spese: come scegliere

Abbiamo visto tre interessanti offerte proposte da altrettanti istituti. Non si può dire a priori quale sia la migliore carta di credito a zero spese. Molto dipende dalle tue esigenze. Dovrai cercare di capire quali sono le tue abitudini in questo settore e soprattutto quali sono le tue preferenze.

Per esempio, se sei abituato a recarti fisicamente presso gli sportelli bancari, probabilmente queste non sono le offerte che fanno per te. Di contro, se sei pratico con App e smartphone e ti trovi a tuo agio nella gestione a livello digitale di ogni operazione allora non ti resta che confrontare le offerte e scegliere la migliore carta di credito a zero spese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *